Cos'è la Terza Pelle?

Cos'è la Terza Pelle?

Il concetto della “Terza Pelle”, che sta alla base della bioarchitettura, è stato introdotto per la prima volta dall'architetto Karl Ernest Lotz nel 1975 per il quale la costruzione bioecologica di un edificio deve ricalcare il modo di funzionare del nostro organismo.


LA PRIMA PELLE

È quella umana. Permeabile e perfettamente traspirante, consentente gli scambi termici tra il corpo e l’esterno e permette l’evaporazione, è elastica e ci difende contro le aggressioni da agenti esterni.

LA SECONDA PELLE

Sono i vestiti che comunemente indossiamo e che posti a diretto contatto con la nostra pelle hanno lo scopo di ripararci e isolarci dall'ambiente esterno e devono garantire la traspirabilità.
Un buon vestito, in cui stiamo bene mentre lo indossiamo, ha la peculiarità di lasciar traspirare il corpo e far si che possa termoregolarsi. Immaginate la differenza di sensazione tra ad esempio un vestito in cotone e uno in nylon.
Un ottimo esempio è dato dalle popolazioni berbere che abitano nel deserto del Sahara e che vestono indumenti in lana proprio per le sue capacità di termoregolare il corpo!

LA TERZA PELLE

La casa rappresenta la nostra “Terza Pelle”, che, oltre ad avvolgerci e proteggerci, deve essere capace al pari delle prime due di “respirare”, di avere cioè continui interscambi con l’ambiente esterno al fine di fornire un ambiente interno salubre.
In definitiva, il benessere ambientale di un individuo che si trovi all'interno di un’abitazione, può essere considerato dipendente da diversi fattori, come ad esempio l’umidità, la temperatura, le sostanze presenti nell'aria, ecc.
Quando anche uno solo di queste componenti viene alterato, variano anche le condizioni dell’ambiente e quindi il senso di comfort.